Come disintossicare gli alimenti di base

Dove acquistare frutta e verdura?

L’alimentazione vegetale è sana – tuttavia solo quando i prodotti vengono coltivati più naturalmente possibile. Purtroppo molti tipi contengono sempre più spesso pesticidi e prodotti chimici che distruggono gli effetti positivi di frutta e verdura. Detto questo consumare questo tipo di alimenti non causerà il nostro decesso, ma a lungo andare può causare più danni al nostro corpo che effetti benevoli. Come si può dunque trovare prodotti vegetali trattati il meno possibile?

Acquistate frutta e verdura con il marchio bio

Per ottenere il marchio bio, il prodotto deve essere trattato solo con una quantità davvero minima di prodotti chimici. Nella maggior parte dei casi si utilizzano prodotti naturali per fertilizzare e proteggere la crescita delle piante. Tra l’altro il marchio fair trade non ha nulla a che fare con quello bio. Si tratta sicuramente di un concetto importante e positivo, ma non si riferisce al trattamento delle piante durante la crescita.

Comprate prodotti regionali

È difficile sapere con certezza quali sono le disposizioni riguardanti i pesticidi nelle altre nazioni. All’interno dell’Europa sono tuttavia relativamente sicure. Inoltre il lungo trasporto sui camion assicura la perdita delle sostanze nutritive di frutta e verdura. Durante l’acquisto prestate quindi particolare attenzione alla nazione di provenienza dei prodotti. La produzione regionale rimane di gran lunga la soluzione migliore. Inoltre durante il trasporto dall’estero viene a crearsi un’alta emissione di gas di scarico causata dai camion.

Mangiate stagionale

L’uomo moderno è abituato ad avere a disposizione tutto quello che desidera in qualunque periodo dell’anno. Grazie a processi di maturazione chimici accelerati e prodotti provenienti dall’estero non è più necessario attendere la stagione giusta per consumare un frutto specifico. Però dovreste attendere. Rinunciate alle fragole fresche se non sono disponibili da produzione regionale o se non vi trovate nella stagione giusta. Consumando questi prodotti non fate del bene al vostro corpo. Procuratevi piuttosto un calendario stagionale degli alimenti vegetali per sapere esattamente cosa acquistare, e quando.

Pulire correttamente frutta e verdura

Poiché è difficile evitare completamente di consumare cibi trattati, è consigliabile almeno pulirli a fondo. Nel caso che mangiate gli alimenti ancora crudi, eliminare le sostanze nocive è molto importante. Tenere gli alimenti sotto l’acqua corrente del rubinetto e strofinarli non è così efficace come molti credono. Il seguente metodo porta risultati migliori: mettete un litro d’acqua in una ciotola. Aggiungete un cucchiaio di bicarbonato di sodio e quattro cucchiai di succo di limone oppure un quarto di litro di aceto. Mischiare bene e poi lasciare la frutta o la verdura per 15 minuti al suo interno. Successivamente pulire ancora una volta a fondo.

Per le verdure composte da diversi strati è consigliabile rimuovere i primi. Qui si trova la maggior parte delle sostanze nocive. L’interno potete consumarlo tranquillamente.

Come preparare frullati detox

Ora che abbiamo la nostra frutta e verdura pulita vediamo un po’ più a fondo le componenti che possono rendere un frullato una cura disintossicante. Le ricette precise le trovate nel capitolo „ricette“. Prima di tutto vogliamo sapere quali sono gli ingredienti migliori:

Spezie piccanti: Chili, pepe di cayenna, zenzero e cannella riscaldano il corpo. Per molti aspetti questo è un punto positivo. Queste spezie stimolano la digestione per permettere all’intestino di liberarsi delle sostanze nocive. Inoltre aumentano i grassi che vengono bruciati poiché il corpo prova a rinfrescarsi a causa dell’aumento di temperatura che causa un maggiore consumo energetico.

Olio di cocco: Si tratta di un olio particolarmente salutare contenente acidi grassi essenziali che il corpo necessita assolutamente. L’olio di cocco stimola il processo disintossicante del corpo perché gli acidi grassi arrivano direttamente al fegato e aumentano la produzione di bile. In questo modo le tossine vengono espulse eliminate più efficacemente.

Microalghe: Soprattutto la spirulina e la clorella. Queste contengono non solo una grande quantità di antiossidanti e sostanze nutritive, ma combattono anche la presenza di metalli pesanti nel corpo. È possibile trovare queste alghe sotto forma di polvere o pastiglie. Prestate attenzione alla provenienza del prodotto e al marchio bio. I prodotti a basso costo asiatici sono spesso compromessi. Le sostanze amare secondarie delle microalghe hanno inoltre il vantaggio di ridurre l’appetito e la fame improvvisa di cibi dolci.

Insalate amare: Le insalate con un gusto amaro come la rucola o la cicoria stimolano il fegato grazie alle sostanze amare presenti al loro interno. Inoltre aumentano la produzione dei succhi gastrici e pancreatici per sfruttare al meglio le sostanze nutritive degli alimenti.

Gli agrumi si addicono particolarmente come frutto da consumare poiché contengono molta vitamina C e proteggono il sistema immunitario.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *